Relazione annuale 2022: le attività della consigliera di parità al secondo mandato

alcune iniziative 2022 della CdP

[18-01-2023] Attività, incontri pubblici e istituzionali, sostegno alle lavoratrici discriminate nel lavoro, sostegno ai Comuni nei piani per le azioni positive, percorsi formativi, risorse finanziarie disponibili e liquidate: questi gli ambiti descritti dalla consigliera di parità metropolitana nella relazione annuale 2022, inviata ieri 17 gennaio, ai sensi di legge, al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, alla Consigliera nazionale di parità e al Sindaco metropolitano e da oggi pubblicata in questo sito. 

 

La relazione, corredata dai dati raccolti in un formato predisposto e condiviso dalla Conferenza nazionale dei consiglieri e delle consigliere di parità, segna l'avvio del secondo mandato di Silvia Cavallarin, ri-nominata dal Ministro per il lavoro a partire dal mese di marzo 2022, proseguendo "senza soluzione di continuità" rispetto al mandato precedente (gennaio 2017), forte dell'esperienza tracciata allora e rinnovato delle nuove reti di relazioni attivate nel frattempo. 

 

L'allegato consiste di una cartella lavoro con diversi fogli dati all'interno, di cui sono valorizzati: 

  • Ufficio: locali, attrezzature, personale assegnato, risorse finanziarie
  • Discriminazioni individuali: tabelle del numero di¬†casi trattati, tipo di trattamento¬†e loro tipologia
  • Partecipazione istituzionale: partecipazioni a commissioni, comitati, reti e altri organismi collegiali, conferenze nazionali e altri incontri organizzati dalla consigliera nazionale di parit√†
  • Attivit√† di promozione: protocolli/accordi sottoscritti nell'anno e/o ancora in corso, progetti, patrocini, pareri ai piani delle azioni positive
  • Eventi: convegni e altri incontri
  • Studio: consulenze e corsi/eventi formativi

 

"Dopo la fase di emergenza sanitaria che aveva messo in luce pi√Ļ frequentemente problematiche riferibili alle molestie, il 2022 vede il ritorno della conciliazione vita e lavoro¬†- scrive la consigliera - come causa di maggiore stress lavorativo. La maternit√†, soprattutto nelle prime fasi di vita della prole, sembra considerata da alcune aziende come un problema che la stessa lavoratrice o il lavoratore padre, devono risolvere". √ą la sintesi sull'attivit√† antidiscriminatoria in ambito lavorativo, ruolo che la consigliera ricopre in veste di pubblico ufficiale, "condotta sempre per le vie informali e conciliative". Un'attivit√† che si svolge¬†attraverso colloqui e consulenze con lavoratrici e lavoratori che si rivolgono all'ufficio della consigliera da una parte, e consultazioni con i datori di lavoro per accertare i fatti e creare le migliori condizioni per ridurre la conflittualit√†, dall'altra,¬†anche con l'aiuto di Ispettorato del lavoro, Spisal e¬†organizzazioni sindacali.¬†

 

Sul fronte della partecipazione istituzionale, la consigliera porta in evidenza gli incontri della rete regionale delle consigliere di parità, impegnata a cogliere le novità normative della certificazione di genere e del nuovo status previsto per i rapporti biennali delle aziende, su cui le stesse consigliere sono chiamate ad ampliare e innovare il loro ruolo. 

 

Fra le attività, vengono segnalate:

  • lo Sportello Emporio del Lavoro, per l'orientamento lavorativo di persone in condizioni di disagio che affluiscono al banco alimentare dell'Emporio della Solidariet√†, frutto di un protocollo d'intesa tra la consigliera, l'associazione veneziana Corte del Forner e la cooperativa sociale Sumo, accreditata per i servizi al lavoro e di diversi incontri in gruppi di lavoro per il monitoraggio dell'iniziativa sperimentale conclusa il 31 dicembre 2022;¬†
  • il Progetto Faro Job Meeting e Faro Donne al lavoro, promosso dal Centro commerciale Porte di Mestre che ha coinvolto diversi attori del mondo del lavoro e dell'orientamento al lavoro, offrendo percorsi formativi ad un centinaio di clienti del centro. Per la consigliera, intervenuta ai meeting di presentazione, si tratta di una iniziativa che presenta "elementi di innovazione nei luoghi e nelle modalit√† di incontro tra domanda e offerta di lavoro e un'esperienza di welfare territoriale";
  • la presentazione con l'autrice del libro "Donne di terre estreme", resoconto di viaggi in terre estreme e di incontri con le donne che vi vivono, da parte di una viaggiatrice davvero straordinaria per i suoi percorsi fuori rotta e per la grande umanit√† e attenzione alle culture con cui √® entrata in contatto;¬†
  • il corso di comunicazione politica "P come Donna: strumenti per un ruolo sostanziale della donna nella politica", sviluppato in tre incontri, che hanno offerto una panoramica generale sulla costruzione delle campagne elettorali e colto l'opportunit√† di focalizzare il ruolo delle reti sociali, pensati anche per favorire le candidature femminili nelle elezioni amministrative o politiche.¬†

 

La relazione si sofferma inoltre su una valutazione complessiva dei Piani delle azioni positive dei Comuni di area metropolitana, per i quali la legge prevede un parere espresso della consigliera, evidenziando, fra le altre cose, che l'analisi dei dati del personale mettono in luce il cosiddetto fenomeno del "rubinetto che perde": alta presenza femminile all'accesso e in dotazione organica, che si abbassa nelle posizioni organizzative (ruoli direttivi e di coordinamento), per rarefarsi nelle figure dirigenziali, benché il divario di genere, commenta la consigliera, vada gradualmente attutendosi negli anni. 

 

Per saperne di pi√Ļ

 

 

Foto: tre iniziative della consigliera di parità nel 2022, da sinistra: incontro con l'autrice di Donne di terre estreme; inaugurazione seconda edizione di Faro Job Meeting, presentazione del corso "P come Donna"

 

 

‚Äč