Novembre Donna 2022, comuni ricchi di proposte

manifestazione Teheran per Mahsa Amini (foto unsplash.com)

 

Scelta obbligata quest'anno per l'immagine con cui presentiamo il calendario del Novembre Donna per celebrare la fatidica ricorrenza del 25, giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne.

 

L'immagine è appunto quella di Mahsa Amini, la ragazza iraniana vittima del regime oscurantista degli ayatollah del suo paese, per l'inconcepibile imposizione non solo sul velo a copertura dei capelli, ma anche sul modo di usarlo. Morire per una ciocca o fosse anche per un'acconciatura di qualsiasi foggia in testa non può essere considerato accettabile e lo hanno capito profondamente le giovani generazioni (e non solo quelle) dello stesso Iran, donne e uomini, coinvolti in una protesta di piazze e città, che non accenna a spegnersi. Con loro il mondo intero, occidente e (si spera) l'oriente tutto, uniti al grido Donna Vita e Libertà. 

 

Alle donne iraniane e, non va dimenticato, alle donne afghane, anch'esse coraggiosamente in lotta per essere donne, vive e libere, va rivolta ammirazione per il coraggio dimostrato e per la grande intelligenza con cui hanno portato avanti le loro rivendicazioni, interpretando al meglio la ricorrenza globale della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne di questo 2022. 

 

Si dimostrano sempre sensibili all'argomento le amministrazioni comunali del territorio metropolitano veneziano, che propongono tenacemente, anno per anno, decine e decine di iniziative utilizzando tutti i linguaggi disponibili: musica, teatro, pittura, parola - attraverso dibattiti e confronti - flash mob e animazioni sul territorio, con il coinvolgimento delle associazioni, degli esercizi pubblici commerciali, di artiste, artigiane, forze locali.

 

Comune per Comune, le presentiamo come ogni anno nella nostra sezione Eventi, in una raccolta non esaustiva, ma certamente ben indicativa di uno squarcio all'indifferenza che questo territorio ha saputo imporre su un fenomeno così odioso, barbaro e ancora troppo diffuso come quello ricordato dalla data del 25 novembre.

 

Per vederle tutte vai alla pagina dedicata.