Elezioni amministrative a metà maggio: area metropolitana ed elette

banchi aula di governo (unsplash.com)

[04-05-2023] Sono soltanto quattro i Comuni dell'area metropolitana veneziana, che andranno al voto in questa tornata di elezioni amministrative del 14 e 15 maggio prossimi: Pianiga, San Stino di Livenza, Martellago e San Donà di Piave. I primi due, sotto i 15 mila abitanti, conosceranno l'esito dello scrutinio subito dopo il primo turno; gli altri due, sopra i 15 mila abitanti, avranno la possibilità di utilizzare, eventualmente, il turno di ballottaggio il 28 e 29 maggio successivi. 

 

Come ogni anno, esaminiamo la situazione dal punto di vista della rappresentanza di genere nelle giunte, nei consigli e al vertice, sapendo che nel tempo le elette sono aumentate di numero, ma che restano ancora disparit√† per quanto riguarda in particolare¬†la posizione¬†pi√Ļ ambita, ancora saldamente occupata dai sindaci.¬†

 

Uno sguardo complessivo, sui 44 Comuni dell'area metropolitana veneziana, evidenzia infatti che le sindache sono soltanto il 18% del totale. Le otto che "ce l'hanno fatta" sono a Cavallino Treporti, Eraclea, Musile di Piave, Noale, Santa Maria di Sala, Scorzè, Spinea e Stra. Inaspettatamente questo dato è peggiore rispetto alla tornata quinquennale precedente quella della primavera 2018, quando erano dieci le sindache e raggiungevano il 23%, peraltro non certo un numero da primato. 

 

Sono invece sicuramente migliorati i numeri nelle giunte comunali: le assessore passano, a inizio 2018, dal 42,5% all'attuale 46,5%  (da 85 a 93). Quasi invariato invece il numero delle consigliere che passano da 240 a 244, con una rappresentanza complessiva intorno al 36%. Mediamente, tra i vari organi di governo, appare superata la quota di un terzo di presenza politica femminile, il minimo stabilito dalla legge, ma certo ogni Comune fa storia a sé. E per quanto riguarda i consigli comunali dell'area metropolitana di Venezia, sono oltre la metà (25) quelli dove le elette sono meno del 40% e, fra questi, 10 che vanno sotto al 30%. 

Tra il 41 e il 50% si collocano invece 8 consigli comunali, per giungere, in vetta alla classifica, con il Comune di Fossò al 58%, che si contrappone a Gruaro, che presenta una consigliera su dieci, con un 10% secco. Entrambi i Comuni peraltro (Fossò e Gruaro), sono sotto i 5 mila abitanti e quindi esenti dall'obbligo della quota di lista nelle candidature e a ben vedere il numero di abitanti non sembra costituire un movente alla quota di composizione di genere degli organi di governo dei comuni della città metropolitana di Venezia. Si può vederlo facilmente nel grafico a barre qui sotto, dove i Comuni sopra i 15 mila abitanti sono distinti con *** (tre asterischi) e appaiono ben distribuiti in classifica. 

 

L'infografica si sofferma infine¬†sui 4 Comuni¬†che andranno al voto in primavera: Martellago, Pianiga, San Don√† di Piave e San Stino di Livenza, che dovranno eleggere, oltre ai 4 primi cittadini, per ora tutti sindaci, 72 posizioni in consiglio¬†e 20 in giunta. Anche in questo caso il confronto della presenza femminile tra questa e la precedente tornata elettorale con cui si sono insediati gli uscenti, vede una situazione in miglioramento. Resta la sfida sulla poltrona pi√Ļ importante: si attendono sorprese.

 

I dati sono elaborati sugli open-data Eligendo del Ministero dell'Interno, con le liste degli amministratori in carica al 31 dicembre 2022 e al 31 dicembre 2017.

 

se non vedi correttamente clicca qui

 

Risorse collegate

 

Foto di Joakim Honkasalo su Unsplash

 

CERCA PER ARGOMENTI