In arrivo 1,6 milioni di euro per le strutture antiviolenza

finanziamento case (foto di Alexander Stein per pixabay.com)

[09-10-2019] E' partita la macchina per la concessione dei contributi di finanziamento alle strutture antiviolenza, provenienti dal fondo nazionale secondo la ripartizione definita dal Dpcm del 9 novembre 2018. Con la deliberazione pubblicata nel Bur del 4 ottobre, la Giunta del Veneto ha infatti definito le quote da assegnare, incaricando gli uffici competenti di raccogliere la documentazione necessaria da parte dei gestori delle strutture. 

 

Lo stanziamento complessivo è intorno a 1,584 milioni di euro, in  sensibile aumento rispetto a quanto ricevuto l'anno precedente dal fondo nazionale, allora inferiore al milione di euro. 

L'importo così stabilito dovrà finanziare, secondo legge:

  • nuove strutture antiviolenza (centri o case rifugio), destinandovi il 33% del fondo (poco pi√Ļ di 480 mila euro);¬†
  • le attivit√† degli sportelli associati ai Centri antiviolenza cui andranno circa 97.500¬†euro
  • i Centri antiviolenza esistenti di cui agli elenchi regionali con oltre 473 mila euro
  • le Case rifugio, sempre monitorate e censite dalla Regione, con ulteriori 553 mila euro

Mentre per le nuove strutture la direzione regionale competente dovrà predisporre il bando e avviare le procedure di valutazione che andranno a rifondere le spese sostenute nel 2020,  per quanto riguarda le strutture esistenti le quote saranno erogate con un'equa suddivisione.
In questo caso: 

  • ai 22 centri antiviolenza veneti (6 nella sola area metropolitana veneziana) andranno 21.505 euro ciascuno;
  • alle 21¬†case rifugio (3 in area metropolitana) riceveranno 25.384 euro ciascuna;
  • ai 25 sportelli collegati ai centri antiviolenza (3 in area metropolitana) spetteranno 3.902 euro ciascuno.

 

Tocca ora ai gestori - Comuni o Ulss anche in forma associata, nonché organizzazioni private - tutti rigorosamente monitorati e censiti dalla Regione Veneto, comunicare la volontà di accedere al finanziamento per poterne disporre di seguito del 90%, con saldo successivamente alla rendicontazione delle spese sostenute. 

 

Per saperne di pi√Ļ

 

Foto: Alexander Stein per pixabay.com

 

CERCA PER ARGOMENTI

non categorizzato (1) 11 ottobre (6) 25 novembre (19) 8 marzo (6) alleanze per la famiglia (15) antiviolenza (50) asili nido (3) attività consigliera (61) azioni positive (32) bambine ragazze (9) bandi (42) centri uomini autori violenza (2) certificazione di parità di genere (5) commissione pari opportunità (7) conciliazione (49) congedi parentali (11) consigliera di fiducia (3) consigliere di parità (16) coronavirus (25) cug comitato unico di garanzia (9) dimissioni maternità paternità (6) diritti umani (9) discriminazione (8) discriminazioni sul lavoro (46) divario di genere (41) divario retributivo (20) elezioni (12) enti locali (98) equamente al lavoro (4) families share (3) femminismo (4) formazione (52) gender pay gap (18) imprenditoria femminile (23) indifesa (3) infografica (11) innovandove (10) ispettorato del lavoro (15) maltrattanti (9) maternità paternità (28) mercato del lavoro (42) normativa (31) occupazione (32) one billion rising (1) pari opportunità (40) parità (13) pon scuola (7) premio lucia bartolini (11) previdenza sociale (3) progetto pari (3) pubblica amministrazione (16) quote rosa (3) regione veneto (101) responsabilità sociale impresa (14) scuola (25) sentenza (1) sessismo (1) smart working lavoro agile (14) spisal (4) sportello donne al lavoro (6) stem (10) stereotipi (2) strutture antiviolenza (46) sviluppo sostenibile (3) tratta esseri umani (3) università (16) violenza sulle donne (74) vittime violenza (21) welfare (26) welfare aziendale (23)