Settori e professioni con pi√Ļ o meno donne: pubblicato il decreto per il riequilibrio

lavoratori e lavoratrici nelle diverse professioni (illustrazione Rawpixel per freepik.com)

[07-12-2018] Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha pubblicato sul proprio sito il Decreto interministeriale del 28 novembre 2018 che individua per l'anno 2019, sulla base dei dati Istat anno 2017, i settori e le professioni caratterizzati da un tasso di disparità uomo-donna che supera almeno del 25% il valore medio annuo, ai fini dell'applicazione degli incentivi all'assunzione previsti dall'articolo 4, commi 8-11, della Legge 92/2012.

 

Il tasso di disparità medio è stato rilevato per l'anno 2017 in misura pari al 9,2%. La soglia sopra la quale un settore  è  caratterizzato  da  un  tasso  di  disparità  uomo - donna superiore  di  almeno il  25  per  cento  del  valore medio è  pari  a 11,5%. I settori  che  hanno  registrato  un  tasso  di  disparità  superiore  a  tale  livello  sono riportati nelle tabelle A e B in allegato al decreto.

 

Tra le professioni che presentano un tasso di disparità superiore al 90% si collocano i ruoli delle forze armate (sergenti, sovraintendenti e marescialli, ufficiali e truppe), artigiani e operai specializzati dell’industria estrattiva e dell’edilizia, conduttori di veicoli, artigiani ed operai metalmeccanici specializzati e installatori e manutentori di attrezzature elettriche ed elettroniche.

 

Presentano invece un tasso di disparità uomo - donna compreso tra il 70% e il 72% gli agricoltori e operai specializzati dell’agricoltura, delle foreste, della zootecnia, della pesca e della caccia, i conduttori di impianti industriali e le professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione.

 

I dati Istat del 2017 confermano, senza variazioni rilevanti rispetto ai dati del 2016, la classifica delle professioni che presentano ad oggi gravi gap di genere. In lieve miglioramento, invece, il tasso di disparità medio che scende dal 9,9% del 2016 al 9,2% del 2017, registrando un vantaggio di 0,7 punti percentuali.  

Maggiori informazioni su incentivi e agevolazioni all’assunzione possono essere reperite sul sito dell’ANPAL alla voce Aziende/incentivi (m.f.)

 

 

Grafica: rawpixel per freepik.com

CERCA PER ARGOMENTI

11 ottobre (6) 25 novembre (19) 8 marzo (6) alleanze per la famiglia (15) antiviolenza (50) asili nido (3) attività consigliera (61) azioni positive (32) bambine ragazze (9) bandi (41) centri uomini autori violenza (2) certificazione di parità di genere (5) commissione pari opportunità (7) conciliazione (49) congedi parentali (11) consigliera di fiducia (3) consigliere di parità (16) coronavirus (25) cug comitato unico di garanzia (9) dimissioni maternità paternità (6) diritti umani (9) discriminazione (8) discriminazioni sul lavoro (46) divario di genere (40) divario retributivo (20) elezioni (11) enti locali (98) equamente al lavoro (4) families share (3) femminismo (4) formazione (50) gender pay gap (18) imprenditoria femminile (23) indifesa (3) infografica (11) innovandove (10) ispettorato del lavoro (15) maltrattanti (9) maternità paternità (28) mercato del lavoro (41) normativa (31) occupazione (31) one billion rising (1) pari opportunità (38) parità (13) pon scuola (7) premio lucia bartolini (11) previdenza sociale (3) progetto pari (2) pubblica amministrazione (16) quote rosa (3) regione veneto (100) responsabilità sociale impresa (14) scuola (25) sentenza (1) sessismo (1) smart working lavoro agile (14) spisal (4) sportello donne al lavoro (6) stem (7) stereotipi (2) strutture antiviolenza (46) sviluppo sostenibile (3) tratta esseri umani (3) università (14) violenza sulle donne (74) vittime violenza (21) welfare (25) welfare aziendale (23)