Asili nido, l'offerta nei comuni metropolitani del veneziano deve crescere ancora

street art: Alessandra Carloni per IdoLove Dolo
 
[25-06-2020] Asili nido e servizi per la prima infanzia sono uno degli indicatori pi√Ļ significativi della capacit√† di un territorio di consentire una migliore qualit√† di vita e offerta educativa, ma anche di disincentivare le dimissioni in maternit√† e, di riflesso, diventare fattore di incremento dell'occupazione femminile.
 
A fissarne il parametro di riferimento ci ha pensato il Consiglio Europeo riunito a Barcellona nel 2002, che fiss√≤ l'obiettivo di 33 posti ogni 100 residenti sotto i 3 anni, al quale¬†gli stati membri avrebbero dovuto allinearsi¬†entro il 2010, ma non √® andata proprio cos√¨. Sono passati quasi 20 anni da allora e nonostante discreti miglioramenti registrati soprattutto tra il 2013 e il 2017, pur non essendo la sola, l'Italia deve impegnarsi di pi√Ļ per¬†raggiungerlo.
 
Lo accerta qui Openpolis , analizzando i dati Istat riferiti al 2017, disponibili anche in versione disaggregata, per regione, provincia e comune e che abbiamo visionato per l'area veneta e metropolitana.
 
L'analisi nazionale evidenzia una copertura media per l'Italia del 24,7%, sotto di circa 8 punti dall'obiettivo, mentre schizzano al 46% i comuni del tutto sprovvisti del servizio. Openpolis descrive una situazione disomogenea nel Paese, con una buona offerta nelle regioni del centro-nord, cogliendo un ulteriore elemento di divario con il sud e le isole (tolta la Sardegna di cui mancano i dati)  a parte un complessivo buon piazzamento della Puglia.
 
Nel Veneto l'offerta si presenta senz'altro migliore e pi√Ļ omogenea, pur rilevando maggiori insufficienze nelle aree montuose. La copertura media regionale √® pari al 27,9%, tre punti sopra il nazionale, che diventano 5 sotto all'obiettivo europeo. Risulta pi√Ļ che dimezzato rispetto al nazionale il dato di assenza del servizio, che interessa "solo" il 21% dei Comuni, con 159 enti sui 596 totali, ma vede anche una copertura superiore al 100% per 8 Comuni, una risorsa evidentemente da condividere con i vicini.¬†¬†
 
Va in meglio l'area metropolitana veneziana quando registra solo il 7%, cioè 3 comuni su 44 (Cinto Caomaggiore, Cona e Teglio Veneto) privi di servizio. E in ogni caso fra questi, solo Cona risulta davvero svantaggiata, visto che gli altri due comuni sono limitrofi a Gruaro che si piazza in testa alla classifica, suggerendo una forma di compensazione territoriale nell'erogazione del servizio, peraltro da verificare. Peggiora invece la copertura media, vicina al 23%, contro il 28% circa del Veneto e il quasi 25% nazionale già richiamato. 
 
L'area metropolitana veneziana vede dunque una copertura di 5 punti inferiore alla media regionale e quasi 2 dalla nazionale, ma vede anche 6 Comuni ben al di sopra dell'obiettivo di Barcellona, con il piccolo comune di Gruaro che si piazza in testa con il 52,6%, seguito da Dolo, Campagna Lupia, Vigonovo, Venezia e Caorle. 
Grafico: Posti in asili nido per 100 residenti 0-2 anni nei comuni metropolitani veneziani
 
La distribuzione del servizio segue molto le caratteristiche delle macro aree o aree omogenee in cui si suddivide comunemente l'area metropolitana. Il dato migliore, con una media del 33,2% in linea con l'obiettivo di Barcellona, spetta all'area del capoluogo, con Venezia, Mestre, Marcon e Quarto d'Altino. Buona l'offerta anche nella zona della Riviera del Brenta con 10 Comuni e un'offerta pari al 29,3%. Seguono il miranese (9 comuni) con il 22,3%; il portogruarese con 11 comuni al 20,6; il sandonatese con il 19,5%, per arrivare infine al sud con Cavarzere, Chioggia e Cona al 12,9%. 
 
Grafico: distribuzione posti nido tra aree omogenee in Città metropolitana di Venezia
 
 
 
 
 

Risorse collegate

 

 

 
Foto: murales di Alessandra Carloni a Dolo (Ve) 
 

 

Tags: 

CERCA PER ARGOMENTI

non categorizzato (4) 11 ottobre (6) 25 novembre (19) 8 marzo (6) alleanze per la famiglia (15) antiviolenza (50) asili nido (3) attività consigliera (61) azioni positive (32) bambine ragazze (9) bandi (42) centri uomini autori violenza (2) certificazione di parità di genere (5) commissione pari opportunità (7) conciliazione (49) congedi parentali (11) consigliera di fiducia (3) consigliere di parità (16) coronavirus (25) cug comitato unico di garanzia (9) dimissioni maternità paternità (6) diritti umani (9) discriminazione (8) discriminazioni sul lavoro (46) divario di genere (41) divario retributivo (20) elezioni (12) enti locali (98) equamente al lavoro (4) families share (3) femminismo (4) formazione (52) gender pay gap (18) imprenditoria femminile (23) indifesa (3) infografica (11) innovandove (10) ispettorato del lavoro (15) maltrattanti (9) maternità paternità (28) mercato del lavoro (42) normativa (31) occupazione (32) one billion rising (1) pari opportunità (40) parità (13) pon scuola (7) premio lucia bartolini (11) previdenza sociale (3) progetto pari (3) pubblica amministrazione (16) quote rosa (3) regione veneto (101) responsabilità sociale impresa (14) scuola (25) sentenza (1) sessismo (1) smart working lavoro agile (14) spisal (4) sportello donne al lavoro (6) stem (10) stereotipi (2) strutture antiviolenza (46) sviluppo sostenibile (3) tratta esseri umani (3) università (16) violenza sulle donne (74) vittime violenza (21) welfare (26) welfare aziendale (23)