Rapporto Cug: la variabile metropolitana

gruppo di lavoro (by www.freepik.com)

03-04-2017 - Personale in forte contrazione e divario di genere nei livelli dirigenziali. È forse un quadro scontato quello emergente dalla relazione annuale 2016 prodotta dal Comitato Unico di Garanzia, nel primo anno di attività dalla costituzione del nuovo ente metropolitano. 
 

A seguito della legge Delrio che ha dato il via ai nuovi enti di area vasta e delle Città metropolitane per quanto riguarda Venezia (e altre nove grandi città delle regioni a statuto ordinario), ulteriori interventi normativi sono drasticamente intervenuti sulla spesa del personale. Basterà dire che il taglio del 30 per cento operato dalla legge di stabilità 2015 avrebbe dovuto portare l'ente da 578 unità in dotazione organica a 351. E in realtà le ultime due annualità si sono caratterizzate per una consistente fuoriuscita di posizioni, per casi di congedo di fine carriera o mobilità intercompartimentali anche a seguito della ridefinizione delle funzioni (regionali, comunali, metropolitane). 
 

Il quadro del personale delineato nella relazione fa riferimento agli ultimi dati disponibili e relativi al 2015, quindi ancora distanti dall'obiettivo finale della dotazione organica ridotta del 30 per cento. 
Risultano così ancora 455 i dipendenti in servizio al 31 dicembre 2015, con una leggera prevalenza maschile (53%). Primo divario di genere evidente l'utilizzo del part-time, che vede le donne occuparne l'83% dei posti, segno evidente - scrive il Cug - di una impari suddivisione degli impegni di cura e dei carichi familiari. Anche in rapporto alle qualifiche le donne vedono assottigliarsi drasticamente la loro presenza nei livelli dirigenziali: su 10 unità fra cui quella del segretario, solo 2 sono donne. Nei livelli quadro invece, le cosiddette "posizioni organizzative", i dati sembrano evidenziare un sorpasso all'incontrario, con una presenza femminile al 52,5%, benché la distinzione in fasce economiche progressive, suggerisce che la prima, più remunerata, veda in testa i colleghi.

 

La relazione, redatta ai sensi delle Linee guida sul funzionamento dei Cug, di cui alla direttiva della Presidenza del Consiglio dei ministri del 4 marzo 2011, è stata inviata alla direzione generale dell’amministrazione e al sindaco metropolitano il  28 marzo 2017. Vi sono raccolte in chiusura alcune raccomandazioni, sulla base delle informazioni tratte dalla situazione del personale e dall’esito delle attività di questo organismo destinato ad azioni di pari opportunità, valorizzazione del benessere organizzativo di chi lavora e contro le discriminazioni.