Nuova commissione intercomunale in Riviera del Brenta, tra comuni e società civile

segnaposti/pedine di vari colori (https://pixabay.com)

 

[12-10-2020] Si è insediata in questi giorni a Mira, la commissione intercomunale per la realizzazione delle pari opportunità che interessa l'area della Riviera del Brenta. La costituzione corona oltre un anno di lavori tra le dieci amministrazioni comunali e le associazioni della società civile e produttiva che vi fanno parte, nella stesura di uno statuto che poi ciascun ente o organizzazione ha formalmente adottato. 

 

Nel corso del primo incontro sono state così nominate la nuova presidente Chiara Poppi, assessora alle politiche sociali del Comune di Mira,  e la vicepresidente Andreina Levorato, assessora ai servizi sociali del Comune di Pianiga.  Ad entrambe e a tutte le componenti la consigliera di parità metropolitana, Silvia Cavallarin, annoverata quale componente di diritto del neonato organismo, ha rivolto i suoi auguri di buon lavoro: "La nascita di una commissione intercomunale per le pari opportunità è un’occasione importante e benvenuta - ha comunicato la consigliera - per contribuire alla crescita della società civile, che nella parità di trattamento tra uomini e donne, nell’inclusione delle tematiche di genere in ogni ambito, nella rimozione degli stereotipi e di ogni forma di discriminazione, misura il suo grado di civiltà. E che superando i confini comunali consente la sinergia di forze e di idee per disseminarne cultura e buone pratiche e azioni positive". 

 

Riconoscente per le parole della consigliera, la presidente Poppi ha sottolineato il senso di questa intercollegialit√†: "Un impegno che sento importante non solo per il mio comune ma per il territorio e che sta trovando una forte collaborazione con¬† tutte le amministrazioni". A fare da collante, spiega ancora la neopresidente, √® stata l'esperienza condivisa dello sportello antiviolenza: "Stiamo lavorando ormai da quasi due anni insieme¬† riuscendo a mantenere uno sportello del Centro antiviolenza per tutte le donne vittime di violenza con sede nel Comune di Mira, ma la nascita della Commissione ci permetter√† di unire ancor pi√Ļ le sinergie non solo come amministrazioni ma anche con le realt√† associative, di categoria, scolastiche e sanitarie".

 

Lo sportello antiviolenza è fra l'altro il punto di raccordo con l'altra commissione intercomunale delle pari opportunità, quella del Miranese, composta dai Comuni di Noale, Mirano, Martellago, Santa Maria di Sala, Salzano, Scorzè e Spinea. Lo sportello vede infatti la gestione della stessa cooperativa Iside antiviolenza, che gestisce anche le strutture antiviolenza Sonia di Noale a servizio di quell'area, come peraltro anche la struttura Estia di Venezia. Salgono così a due le commissioni intercomunali, una modalità di gestione integrata che rappresenta un evidente salto di qualità e di innovazione per questi organismi, oltre che la possibilità di un'azione sinergica e integrata di risorse umane e finanziarie.

 

La neocommissione della Riviera del Brenta è composta dunque da 18 soggetti, di cui: 

  • 10 comuni dell'area: oltre a¬† Mira, anche Campolongo Maggiore, Campagna Lupia, Dolo, Fiesso d'Artico, Foss√≤, Pianiga, Stra e Vigonovo, ciascuno con un/una referente;
  • 3¬†associazioni di categoria: Confindustria, Confcommercio/Confesercenti e Confartigianato/Cna;
  • 4 organizzazioni diverse: sindacali (componente Cisl), il Centro servizi per il volontariato, l'Ulss 3 Serenissima per l'area di riferimento e infine la scuola con la presenza del Liceo G. Galilei di Dolo;
  • la consigliera di parit√† metropolitana come componente di diritto con funzioni consultive.

 

 

Foto di Metsik Garden da Pixabay