Cavallino Treporti e Città metropolitana: una collaborazione da consolidare

Un momento dell'incontro. Da sin.: Marta Fenza, Giorgia Tagliapietra, Annalisa Vegna, Loredana Bergo e Angela Marangon

22-06-2016 - Più servizi e più conoscenza delle opportunità che migliorino l'occupazione di giovani e donne e parliamone ancora: questo il messaggio lanciato dall'assessora alle pari opportunità Giorgia Tagliapietra a sintesi dell'incontro pubblico che si è svolto nella sala consiliare del Comune di Cavallino Treporti lunedì 20 giugno. 

 

L'iniziativa, promossa congiuntamente da Comune e Città metropolitana di Venezia, ha offerto uno spaccato dei servizi forniti dai due enti in materia di politiche attive per l'occupazione femminile e giovane e di controllo alle discriminazioni sul lavoro.

 

L'incontro è stato aperto dalla Consigliera di parità metropolitana, Annalisa Vegna che ha illustrato le numerose problematiche legate alla maternità nelle piccole e medie imprese del territorio, offrendo la propria esperienza di pubblica ufficiale, cui si rivolgono sia datori di lavoro sia soprattutto dipendenti nel segnalare dubbi o presenza di fenomeni di discriminazione di genere: "La maternità è ancora un fattore di crisi nel rapporto fra donne e lavoro, - ha denunciato Vegna - sono quasi soltanto donne quelle che si rivolgono ai nostri uffici e le storie sono sempre le stesse: per loro i colloqui di assunzione si basano ancora in buona parte sulla loro vita sentimentale e familiare".


Molto interesse hanno suscitato anche gli altri interventi, a partire da quello sul linguaggio di genere, in un periodo che vede le amministrative appena concluse apparentemente in grado di sdoganare il termine di "sindaca", ma dove resta ancora difficile coniugare correttamente i nomi di ruolo al femminile per resistenze culturali, o anche per abitudini consolidate e magari inconsapevoli: "E' un argomento che intendiamo approfondire nel nostro Comune", ha dichiarato l'assessora Tagliapietra, annunciando prossime iniziative al riguardo. 


Ma è in merito al futuro che si sono concentrate le domande del pubblico. L'intervento di Marta Fenza dello Sportello metropolitano Donne al Lavoro, ha focalizzato la complessità che deve affrontare chi si affaccia al mondo del lavoro, giovani o donne a ridosso di una maternità: l'analisi delle proprie competenze, la consapevolezza delle proprie abilità, l'autopromozione, che segnalano la forte evoluzione nella ricerca di lavoro, profondamente modificata all'avvento delle nuove tecnologie della comunicazione: "Sono molte le opportunità che si possono trovare in rete - riferiva Fenza nell'illustrare i siti e i bandi disponibili online - occorre sapersi orientare per poter cogliere le occasioni giuste e favorire il proprio percorso professionale e le proprie attitudini, come il reinserimento dopo un periodo di fermo".

L'intervento ha messo in evidenza la complessità e molteplicità di servizi qualificati messi a disposizione dai Centri per l'Impiego distribuiti sul territorio, ancora gestiti dalla Città metropolitana in vista della nuova configurazione istituzionale nazionale e dello sportello Donne al Lavoro che fornisce consulenza gratuita su appuntamento. 


Apprezzato infine il progetto di orientamento formazione, scuola e lavoro illustrato da Angela Marangon della cooperativa Itaca, che lo cura per il Comune di Cavallino Treporti e che ha visto un crescendo di contatti dal suo avvio tre anni fa. Un progetto realizzato attraverso momenti di ascolto e attività di laboratorio con le giovani generazioni. 


"E' nostro impegno creare un'altra opportunità di diffusione di queste iniziative e delle potenzialità che offre il nostro territorio", ha dichiarato l'assessora Tagliapietra in chiusura, invitando il panel di relatrici ad un nuovo incontro in autunno, con l'obiettivo di aumentare l'utenza e di mettere a frutto tutta l'offerta di servizi disponibili.

 

Nelle foto: un momento dell'incontro con (da sin.) Marta Fenza, Giorgia Tagliapietra, Annalisa Vegna, Loredana Bergo e Angela Marangon. Sotto, la targa affissa all'entrata del Comune contro il femminicidio, ancora Tagliapietra e Vegna e un'immagine di Cavallino Treporti